Pensiero della Prima Domenica di Quaresima

Genesi 9,8-15
Salmo 24
1Pietro 3,18-22
Marco 1,12-15

Credere nel Vangelo

Mercoledì scorso, con il rito penitenziale delle ceneri, abbiamo iniziato il cammino della Quaresima. Oggi, prima domenica di questo Tempo liturgico, la Parola di Dio ci indica la strada per vivere in maniera fruttuosa i quaranta giorni che conducono alla celebrazione della Pasqua. E’ la strada percorsa da Gesù, che il Vangelo, con lo stile essenziale di Marco, riassume dicendo che Egli prima di iniziare la sua predicazione, si ritirò per quaranta giorni nel deserto, dove fu tentato da Satana (cfr. Mc1,12-15). Il deserto è il luogo dove Dio parla al cuore dell’uomo, e dove sgorga la risposta della preghiera, cioè il deserto della solitudine, il cuore staccato da altre cose e solo in quella solitudine, si apre alla Parola di Dio. E’ anche il luogo della prova e della tentazione, dove Gesù ha affrontato volontariamente il Tentatore e lo ha vinto. Gesù ci ricorda che al diavolo è concessa la possibilità di agire anche su di noi con le tentazioni; la tentazione fa parte della nostra vita: è legata alla nostra debolezza, alla nostra fragilità. Quando ci confrontiamo con la sofferenza e il dolore, quando siamo aggrediti dalla malattia e dallo sfinimento, è lì che siamo chiamati a reagire nella pazienza e nella speranza. Ma qual è la risorsa segreta che permette a Gesù di vincere la tentazione, di attraversare vittorioso il tempo della prova? Non la sicurezza riposta in sé stesso, ma la fiducia incrollabile nel Padre suo, nel suo amore, nella sua vicinanza. E’ questa buona notizia (il Vangelo) di un Dio che prende a cuore la nostra sorte, il faro che ci accompagna nell’oscurità di ogni tempesta. La vera salvezza portata da Gesù Cristo è stata dare un senso alla nostra povera condizione umana, sottraendola al non senso del male. Così ha risuscitato la sua vita e, con Lui, quella di ogni essere umano. Marco non dice che Gesù nel deserto ha vinto il male, ma tutto il suo Vangelo annuncia che il male non ha vinto Gesù.

Preghiera: O Maria aiutaci in questa Quaresima ad imitare sempre più Gesù, certi che con Lui avremo la vera vita.

print